COOKIE
Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei bottoni social.

I Tessuti

 

Sia che vogliamo cucirci da soli un pannolino lavabile, sia che vogliamo imparare a districarci meglio nelle etichette, sarà utile conoscere bene i tessuti e gli altri materiali, descritti per sezioni:

{tab=PARTE ESTERNA} I MATERIALI IMPERMEABILI adatti per confezionare un pannolino lavabile sono acquistabili in alcuni negozi on-line, italiani ed esteri. Se decidete di acquistare all’estero potrebbe essere una buona idea riunirsi in più persone per dividere le spese di spedizione. A seconda del tasso di cambio l’acquisto può risultare più o meno vantaggioso. Quando si parla di parte impermeabile vediamo apparire la sigla PUL. Non si tratta di un tessuto, ma di una lavorazione. Esattamente si tratta di una laminatura di un tessuto con un certo spessore di poliuretano. Questo tipo di formulazione è molto resistente (anche alle altissime temperature) proprio perché originariamente pensato per uso chirurgico, in seguito è stato molto utilizzato per la sua versatilità e adattabilità anche ad usi diversi. In particolare per quanto riguarda i pannolini quando parliamo di PUL parliamo di una microfibra di poliestere laminata, o anche di un tessuto di cotone stampato laminato. In linea di massima le tinte unite sono maglina di poliestere, le fantasie sono cotone stampato. Le prime sono più morbide, le seconde leggermente più rigide (per via del maggiore spessore del cotone) La laminatura poi può essere più o meno spessa. Per cui i tessuti laminati sono generalmente di due tipi: {slide=Pul 1 mil} laminatura di poliuretano di 1 mil (mm 0,0254). Ideale per l’esterno degli AIO, per pocket e per le mutandine copri pannolino. E’ utile anche per confezionare grembiulini per attività pittoriche e retro di bavaglini “prime pappe”. Con l’uso frequente di lavatrice, e ancor di più con l’asciugatrice, si usura molto prima del dovuto, per cui onde allungarne la durata è consigliato il lavaggio a mano con un po’ di sapone di Marsiglia e dargli una passata in lavatrice una tantum, asciugandolo lontano da fonti di calore eccessive come ad esempio sopra il termosifone bollente. {/slide}

{slide=Pul 2 mil} laminatura di poliuretano di 2 mil. E’ adatto per capi impermeabili che richiedono maggior impermeabilità e resistenza come giacche leggere, pocket, mutandine copri pannolino, wet bag, telini per il cambio e teli salvamaterasso. {/slide}

 

Altri materiali adatti ad essere utilizzati esternamente sono:

 

{slide=Wool interlock} La lana è una naturale alternativa ai materiali impermeabili sintetici. Opportunamente e regolarmente trattata con la lanolina, si presta per la confezione di mutandine da far indossare sopra prefold, fitted e ciripà, garantendo una traspirazione cutanea eccellente. Non è indicata per la confezione di "AIO", in quanto lo strato assorbente di questi pannolini richiede un lavaggio diverso da quello necessario per la cura della lana. (liberamente tradotto dal sito www.verybaby.com){/slide}

{slide=Polar fleece} La sua trama più fitta rispetto al pile comune la rende adatta a fare delle mutandine da indossare sopra fitted e prefold. Non garantisce un'impermeabilità totale, però è molto traspirante e in caso di arrossamenti favorisce la normalizzazione della pelle. Menzione a parte meritano tutti gli altri tipi di pile con caratteristiche tecniche elevatissime, utilizzati in genere per l'abbigliamento di alta montagna. Ve ne sono una svariata quantità, con nomi coperti da marchio. Tutti comunque assicurano l'impermeabilità e dunque vengono usati per l'esterno dei pocket o Aio e in qualche caso anche per le mutandine copri pannolino.{/slide}

{tab=PARTE INTERNA}

I TESSUTI ASSORBENTI, addatti alla parte interna dei pannolini, reperibili in Italia sono:

{slide=La spugna di cotone} E’ importante che sia abbastanza corposa e morbida al tatto e non fina e sottile perché il suo compito è proprio quello di assorbire il più possibile. Un’alternativa economica potrebbe essere quella di usare asciugamani in disuso. Quelli vecchi e un po’ rigidi vanno benissimo per gli inserti assorbenti da mettere nei pocket. Quelli brutti che non siamo mai riusciti ad usare perché magari ce li hanno regalati sono perfetti per cucire i nostri pannolini ! Ha il difetto che con i lavaggi tende ad irrigidirsi. Ideale per gli inserti, per la parte interna degli AIO e per i fitted .{/slide}

{slide=La flanella di cotone}E’ consigliabile usare della flanella bianca a meno che i colori siano certificati come non tossici. Poiché la flanella è usata anche per la confezione delle lenzuola, se in casa ne abbiamo di vecchie, le possiamo tranquillamente usare per cucire i pannolini. Va usata in più strati per garantire l’assorbenza, ma il numero degli strati dipende dal tipo di flanella che abbiamo a disposizione.Volendo la flanella (anche colorata) può essere utilizzata per la parte esterna dei fitted, così come è possibile usare del comunissimo cotone stampato (anche riciclato, per es. da vecchie camicie). Ideale per la parte interna degli AIO e per i fitted .{/slide}

{slide=Il mollettone}Si può acquistare nei negozi di tessuti. Il mollettone è un panno abbastanza spesso con una superficie lanosa composto al 100% di cotone. Ha la caratteristica di essere molto assorbente anche se un po’ rigido e per questo non è indicato per la confezione del pannolino intero ma solo per l’ inserto assorbente. {/slide}

{slide=Microfibra di poliestere}In Italia si trova facilmente della microfibra adatta alla confezione degli inserti assorbenti. Si tratta di quella in vendita nei comunissimi supermercati come stracci di microfibra per i pavimenti, in genere è di colore azzurro. Si ricorda che in nessun caso la microfibra deve essere posta a contatto della pelle, proprio perché materiale super-assorbente, rischierebbe di seccare troppo la pelle (e i genitali). Asciuga molto velocemente.{/slide}

 

Tessuti reperibili all'estero

Nei negozi on-line stranieri possiamo trovare un vasto assortimento di tessuti assorbenti. Per semplicità li abbiamo divisi in tessuti naturali e sintetici e accanto ad ognuno abbiamo messo la traduzione e una piccola descrizione .


a) Tessuti NATURALI

Le fibre naturali più comunemente usate sono il cotone, la canapa (hemp) e il bambù. In linea di massima vengono utilizzati tutti nelle tre principali tipologie di lavorazione: la spugna (terry), la flanella (fleece) e il velour (vellutino).

{slide=HEMP : CANAPA}

Hemp fleece : flanella di canapa

E’ un tessuto con un lato di maglina e l’altro lanoso come l’interno di una felpa. Si può usare indifferentemente qualsiasi lato a contatto con il bimbo, non ce n’è uno giusto , ma è molto meglio il lato lanoso.

Ideale per gli inserti (sono sufficienti 3 o 4 strati).

Hemp jersey : jersey di canapa.

Tessuto composto da cotone e canapa. E’ un tessuto sottile simile a quello usato nelle t-shirt. Si può usare per fitted, prefold o per gli inserti (5 o 6 strati).{/slide}

{slide=BAMBOO : BAMBU’}

Bamboo terry: spugna di bambù .

E’ una spugna che, a differenza di quella di cotone, mantiene la sua morbidezza inalterata nel tempo. Ha inoltre la caratteristica di assorbire il 60% circa più del cotone e questo permette di confezionare pannolini più sottili ,servono infatti meno strati per ottenere più assorbenza. Ottimo a contatto con la pelle. Ideale per gli inserti.

Bamboo fleece : flanella di bambù.

Composto da bambù e da una piccola percentuale di cotone. Simile alla flanella di canapa (hemp fleece) ,poiché hanno la stessa lavorazione, ma più morbida al tatto. Ottimo a contatto con la pelle. Ideale per gli inserti.

Bamboo velour: velour di bambù.

Stessa lavorazione del velour di cotone, ma molto più morbido al tatto. Se non ha una buona base in poliestere tende a sciuparsi in fretta. Quello che si trova nei siti specializzati in genere è di ottima qualità e si mantiene morbido nel tempo.{/slide}

{slide=COTTON: COTONE}

Cotton terry : spugna di cotone.

Birdseye pique

è una stoffa 100% cotone con la tessitura a picchè , la trama ha un disegno simile a un piccolo diamante. Da nuova può sembrare fina e liscia, ma lavandola aumenta la consistenza e diventa soffice e assorbente. Le sue proprietà aumentano con l’uso.

Burley knit terry

è una spugna di cotone con una piccola parte di poliestere. Più grossa e fitta di una normale spugna ,e anche più soffice ed assorbente. Può essere usata per gli inserti (3 strati sono sufficienti) o per confezionare l’intero pannolino: grazie alla sua capacità assorbente è possibile ottenere dei pannolini più sottili e poco ingombranti.

Stretch terry

E’ un tessuto di morbida spugna composto da cotone e da una piccola parte di poliestere che rimane soffice anche dopo molti anni di uso a differenza della semplice spugna che invece tende ad irrigidirsi con l’uso. Ideale per cucire gli inserti (ne servono 6 strati).

Flannel o flanelette

flanella di tipo sottile. In genere all’estero si trova più facilmente una flanella sottile, ma lanosa da entrambe le facce. Utile per i pannolini, ma anche per le tovagliette lavabili.

Sherpa terry

Il tessuto chiamato sherpa è conosciuto e molto usato all'estero per la sua assorbenza e morbidezza. E' lavorato come una spugna, un lato liscio e l'altro opportunamente spazzolato e trattato in modo da sollevare le fibre e dare una straordinaria sensazione di morbidezza. Generalmente lo Sherpa usato per i pannolini è composto dal 75-80% di cotone e 20-25% di poliestere; il cotone è usato per lo strato spugnoso che poi verrà spazzolato e trattato, mentre il poliestere è usato per la base del tessuto in modo da garantire una maggior durata nel tempo.

Ribbed knit

Tessuto di maglina leggermente consistente lavorata a strisce.E’ lo stesso tessuto usato per le tutine.Si può usare per l’interno dei pannolini o per l’esterno dei fitted.

Cotton velour : velour di cotone.

Il velour è un tessuto con uno strato di tessuto molto morbido,simile al velluto che va a contatto con la pelle e una base di poliestere. Si può sostituire con la ciniglietta delle tutine da neonato.

Alcuni dei materiali fin qui citati possono essere anche di tessuto organico (organic) e poiché sono di origine naturale possono essere usati a contatto con la pelle del bambino.{/slide}

 

b) Tessuti SINTETICI

{slide=Microfiber terry: spugna di microfibra}

E’ una spugna molto assorbente. E’ sintetica e va usata solo per cucire gli inserti assorbenti che non devono andare a diretto contatto con la pelle del bambino.

Ideale per cucire inserti dei pocket perché asciuga molto velocemente rispetto ai tessuti di origine naturale.{/slide}

{slide=Pile} è un tessuto 100% poliestere, spesso prodotto dal riciclo delle bottiglie in PET, molto morbido e confortevole. Ha la caratteristica di essere un tessuto "drenante": non assorbe i liquidi bensì li fa passare attraverso, permettendo loro di venire catturati dagli stati assorbenti sottostanti e a contatto con la pelle resta quindi una sensazione di quasi asciutto. Il pile viene usato anche per fare delle veline raccogli-feci in quanto le feci si possono rimuovere molto facilmente semplicemente scuotendo il grosso nel wc e poi sciacquando brevemente sotto il getto d'acqua.{/slide}

 

Altri tessuti "a contatto"

{slide=Minkee}

è un tessuto sintetico composto dal 100% di poliestere con una consistenza tra il velluto e il peluche. E’ un tessuto studiato appositamente per abbigliamento infantile, infatti non perde pelucchi. E’ straordinariamente morbido e ANTIMACCHIA, e mantiene queste caratteristiche inalterate nel tempo. Può essere usato per lo strato esterno del pannolino o per delle mutandine copri pannolino. Non è impermeabile e ha bisogno di uno strato di pul cucito all’interno per non far passare il bagnato .Può essere usato anche per cucire coperte, cappelli, stivaletti, pantofoline e peluche.{/slide}

{slide=Knit}

non è altro che il comunissimo "jersey", quello usato per le t-shirt. Si potrebbe dire che il jersey è usato prevalentemente a scopo estetico, in quanto per la sua scarsa assorbenza ne servirebbero molti strati aumentando così notevolmente il tempo di asciugatura. Se si desidera, si può rivestire il PUL con del jersey stampato in fantasie assortite, in modo da dare un tocco di colore in più ai propri pannolini home made.{/slide}

{slide=Raw silk:seta grezza}

E’ una fibra 100% naturale. Più facilmente si trova sul mercato anche la seta burette, sempre grezza, quindi non colorata. Tutti i tipi di seta grezza vengono utilizzati per confezionare dei liner da mettere a contatto con la pelle dei bimbi, consigliatissima per i bimbi con pelle molto sensibile. Non ha un grande effetto drenante, ma lenitivo.{/slide}

{tab=MATERIALI PER LA CHIUSURA}

{slide=Elastico}

In Italia possiamo utilizzare comune elastico per l’interno dei nostri pannolini. E’ consigliabile usare quello piatto che è anche abbastanza economico.

Gli elastici specifici per cucire pannolini sono due:il foe e il lastin .

Foe (fold over elastic)

Si tratta di un elastico usato per bordare le mutandine. E’ un tipo di elastico molto morbido, ma resistente, caratterizzato dalla facilità con cui è possibile ripiegarlo attorno al bordo. Si trova facilmente nei siti esteri che vendono materiale per pannolini, e si trova anche in tante colorazioni.

Lastin

Si tratta di un elastico molto sottile e trasparente, simile (ma non identico) a quello delle spalline dei reggiseni, ma molto più sottile ed elastico. Di solito si trova nella versione da 6 mm. Ottimo per le cuciture dell’interno cosce, perché non segna le gambe.{/slide}

{slide=Velcro}

Si trova comunemente nelle mercerie, nelle varie altezze (2.50 cm e 5 cm). Ha il difetto di essere abbastanza rigido però è abbastanza economico e duraturo.

All’estero si trovano vari tipi di velcro (hook and loop) nei siti specializzati. Sono tutti molto più morbidi di quel che possiamo trovare in Italia. Questa caratteristica li rende interessanti, in particolare per quei pannolini che per la loro forma rendono più facile lo sfregamento del velcro con la pelle.{/slide}

{/tabs}

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Con il patrocinio morale di: